Orthodontic

Ortodonzia Linguale Invisibile caso 1 -1983

1983  TERAPIA con  Ortodonzia linguale  FISSA PER IL RECUPERO DI UN CANINO INCLUSO PALATALE : TRATTAMENTO ORTODONTICO  E FOLLOW UP

Si presenta un caso di ortodonzia  linguale invisibile iniziato nel 1983 con bracket linguali selfligating  terminato alla fine del 1985  e seguito con follow up fino al 2001 quindi dopo 15 anni dal trattamento.

La paziente si presenta all’età di 25 anni con la mancanza in arcata del canino superiore di sinistra, prima classe di ANGLE sia a destra che a sinistra, leggeri diastemi tra gli incisivi superiori  particolarmente evidente tra 21 e 22 , rotazione mesiale della cuspide linguale del 24.

schema bracket pinless Begg
visione frontale ——e schema bracket pinless Begg
ortodonzia linguale visioni laterali
ortodonzia linguale visioni occlusali

All’esame radiologico si apprezza la presenza del 23 incluso palatale senza apparenti segni di anchilosi.
L’INSIEME DEGLI ESAMI RADIOLOGICI , Ortopantomografia, teleradiografia del profilo facciale, teleradiografia antero posteriore, radiografia occlusale.

rx occlusale e teleradiografia antero.posteriore
ortopantomografia con 23 incluso palatale
ortopantomografia con 23 incluso palatale
teleradiografia del profilo facciale

La paziente esprime il desiderio di recuperare il canino incluso con l’applicazione di una apparecchiatura fissa linguale per motivi estetici, una apparecchiatura quindi invisibile nei normali atti di relazione.
Viene proposta l’applicazione di una apparecchiatura selfligating con bracket appartenenti alla tecnica Begg con la possibilità di trasformazione , attraverso l’inserimento di una app definita edgewise adaptor , in una tecnica edgewise. Va notato che eravamo nel 1983 e la parola self ligating neanche esisteva , si parlava semplicemente di bracket che trattenevano l’arco senza la necessità di legatura e questo era un grosso vantaggio perché le legature eseguite sulla superficie linguale potevano creare grossi fastidi alla lingua. L’apparecchiatura doveva però essere applicata attraverso un sistema di trasferimento (applicazione dei bracket automatica da parte dell’arco ideale su set up della malocclusione del paziente) abbastanza costoso date le particolari procedure di laboratorio necessarie.
Si propone un trattamento ortodontico linguale fisso invisibile e l’intervento per disinclusione del canino di sinistra, si applica la apparecchiatura

Questi particolari bracket permettono se non viene inserito l’edgewise-adaptor di poter inserire due archi .016; la prima fase è stata dedicata al recupero dello spazio per il canino con l’ inserimento di un arco .016 in tma come arco guida e un arco .014 niti su cui è inserita una molla ad anse aperte.

applicazione della apparecchiatura apertura dello spazio per 23 ed esposizione chirurgica
applicazione della apparecchiatura apertura dello spazio per 23 ed esposizione chirurgica

Una volta creato lo spazio si è proceduto dopo anestesia plessica palatina alla esposizione del canino incluso con elettrobisturi, data l’impossibilità di eseguire un lembo marginale per la presenza degli hook linguali.
Durante l’esposizione chirurgica viene applicato sul margine incisale del canino, un catching hook che sorregge un impacco chirurgico in peripac , a protezione dei margini della ferita.

La seconda fase è legata alla azione di estrusione e distalizzazione del canino e successiva vestibolarizzazione. Questa si ottiene attraverso la modellazione di una molla a balestra con loop avvolti sull’arco guida .016 tma e con presa di forza nello slot verticale del bracket 26. La molla viene realizzata con un filo TMA .014

ortodonzia linguale applicazione della trazione su 23 con ballista spring e attivazione della molla
ortodonzia linguale applicazione della trazione su 23 con ballista spring e attivazione della molla
ortodonzia linguale attivazione progressiva della ballista spring
ortodonzia linguale attivazione progressiva della ballista spring

La molla a balestra viene attivata in maniera sequenziale , prima in estrusione e poi in distalizzazione, fino a portare il canino ad avere il corretto asse mesio distale, a livello coronale e radicolare, al fine di realizzare successivamente una vestibolarizzazione controllata.

ortodonzia linguale distalizzazione e vestibolarizzazione della corona del canino
ortodonzia linguale distalizzazione e vestibolarizzazione della corona del canino
ortodonzia linguale progressiva vestibolarizzazione del canino
ortodonzia linguale progressiva vestibolarizzazione del canino

La vestibolarizzazione del canino avviene con un arco guida in acciaio .0175 x .0175 e due coax .016 inseriti prima entrambi sul catching hook, e successivamente uno palatino e uno vestibolare al canino.
Durante la vestibolarizzazione l’arco di base in acciaio viene rimodellato verso palatino nella zona del canino e i due coax sostituiti da un ni-ti .016 .
Il canino durante la vestibolarizzazione necessita di un rialzo occlusale per non incontrare resistenze durante il salto dell’articolato .

rialzo occlusale su 34 per per permettere il salto occlusale del canino guidato dall’arco vestibolarmente

Dopo 2 anni di terapia , nel 1985 , il caso è terminato viene quindi effettuata la rimozione della apparecchiatura fissa linguale. L’estetica e i rapporti occlusali sono buoni come testimoniano le foto seguenti

confronto tra la malocclusione prima 1983 e dopo 1985 visioni frontali
visione occlusale inferiore e superiore
visione frontale della paziente nel 2001

la paziente si presenta semestralmente a dei controlli per valutare la stabilità della occlusione che permane tale per anni ed anni. L’ultimo controllo prima di un trasferimento per lavoro da parte del marito avviene nel 2001.Dopo 16 anni il follow up dimostra la validità del protocollo di ortodonzia fissa linguale utilizzato in questo caso. Anche dopo anni l’ortopantomografia e la radiografia endorale del canino discluso dimostrano una ottima salute ossea e radicolare del dente.Un problema di leggero riassorbimento radicolare compare sul 24.

follow up del caso di recupero del canino dopo 16 anni dalla conclusione del trattamento visioni laterali
visioni laterali nel 2001
follow up del nosro caso di recupero del canino dopo 16 anni dalla conclusione del trattamento
overyet destro e sinistro nel 2001
follow up del caso di recupero del canino dopo 16 anni dalla conclusione del trattamento
visioni occlusali 2001
ortpantomografia del 2001
rx endorale 2001

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.