Orthodontic

Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics

Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics

STORIA

Il termine Ortodonzia Invisibile indica la possibilità di eseguire un trattamento ortodontico, cioè il raddrizzamento dei denti con la risoluzione della malocclusione presente, con l’uso di  apparecchiature (APP) che sono invisibili nei normali atti di relazione con gli altri, perchè  applicate su delle superfici dentali  nascoste .

Il termine viene riferito originariamente alla Ortodonzia Linguale proprio perchè la superficie linguale dei denti appare nascosta quando sorridiamo o parliamo con gli altri.

L’Ortodonzia Linguale è simile alle apparecchiature vestibolari, è composta da brackets  o attacchi che sono incollati al dente con materiali compositi dopo mordenzatura del dente stesso, e  da archi ortodontici costruiti in acciaio, nickel titanio, titanio molibdeno, che rappresentano il binario su cui gli attacchi e quindi anche i denti a cui sono incollati, si muovono. Spesso gli archi Ortodontici diventano anche il motore dei movimenti dentali.

Apparecchiatura vestibolare e app linguale con un caso prima e dopo l'allineamento
Apparecchiatura vestibolare e app linguale con un caso prima e dopo l’allineamento

LA PRIMA PUBBLICAZIONE AL MONDO IN CUI SI PARLA DI APPLICAZIONE SULLA SUPERFICIE LINGUALE DI ATTACCHI E’ ITALIANA

PRIMA PUBBLICAZIONE AL MONDO SULLA POSSIBILITA' DI APPLICARE ATTACCHI ORTODONTICI SULLA SUPERFICIE LINGUALE DEI DENTI ANNO 1971
PRIMA PUBBLICAZIONE AL MONDO SULLA POSSIBILITA’ DI APPLICARE ATTACCHI ORTODONTICI SULLA SUPERFICIE LINGUALE DEI DENTI ANNO 1971

Nel 1971 il Dott. Kinya Fujita, giapponese, inizia le ricerche e pone le basi per la costruzione di veri brackets linguali pubblicando nel 1978 un articolo su JJSDAM* presentando un particolare disegno di bracket da applicare sulla superficie linguale dei denti ed una nuova forma di arco definita Mushroom arch form oramai universalmente accettata per il trattamento della tecnica linguale.

Il primo bracket progettato per una applicazione linguale delle app fisse 1978
Il primo bracket progettato per una applicazione linguale delle app fisse 1978

Personalmente inizio con la tecnica linguale nel 1981 con l’utilizzo di attacchi linguali selfligating

l mio primo caso di ortodonzia linguale nel 1981 e i primi problemi nel controllo tridimensionale dei denti
il mio primo caso di ortodonzia linguale nel 1981 e i primi problemi nel controllo tridimensionale dei denti

Nel corso degli anni gli attacchi linguali hanno subito una evoluzione e chi è interessato a questa evoluzione può trovare delle indicazioni qui

Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics

Col passare degli anni il termine  Ortodonzia  Invisibile  si espande  ad altre  app che permettono di allineare i denti anche senza l’uso di attacchi ( Brackets )  fissati sulla superficie dei denti, ma utilizzando solo parti di archi o archi modellati in modo appropriato per ottenere i corretti movimenti dentali. Il primo apparecchio  fisso linguale invisibile senza attacchi sviluppato negli anni 90 è il  M.A.C. (Mantenitore  Attivo di Contenzione) o A.F.R. (Attive Fixed Retainer) realizzato unicamente con parti di archi ortodontici variamente modellati e composito. Il vantaggio principale di tali apps è dovuto al fatto che mancando gli attacchi (brackets) si riduce enormemente lo spessore della app rispetto alla tradizionale apparecchiatura ortodontica linguale con vantaggi per il confort della lingua del paziente. Con la nascita di tali app i trattamenti di ortodonzia invisibile hanno una maggior diffusione.

di seguito una

Classificazione  dei M.A.C. (Mantenitore  Attivo di Contenzione) o A.F.R. (Attive Fixed Retainer)

 

Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics MAC 1 app linguale bracketless invisibile per controllare le rotazioni degli incisivi, la versione doppio MAC 1 permette la vestibolarizzazione
MAC 1 app linguale bracketless invisibile per controllare le rotazioni degli incisivi, la versione doppio MAC 1 permette la vestibolarizzazione

Riproduzione di testi ed immagini vietata Prof. Aldo Macchi© 2000 – 2017

Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics MAC 2 app linguale bracketless invisibile permette la lingualizzazione del dente interessato
MAC 2 app linguale bracketless invisibile permette la lingualizzazione del dente interessato

Riproduzione di testi ed immagini vietata Prof. Aldo Macchi© 2000 – 2017

Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics MAC 3 app linguale bracketless invisibile permette il controllo del torque
MAC 3 app linguale bracketless invisibile permette il controllo del torque

Riproduzione di testi ed immagini vietata Prof. Aldo Macchi© 2000 – 2017

Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics MAC 4 app linguale bracketless invisibile , permette la chiusura di diastemi
Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics MAC 4 app linguale bracketless invisibile , permette la chiusura di diastemi

Riproduzione di testi ed immagini vietata Prof. Aldo Macchi© 2000 – 2017

Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics MAC 5 app linguale bracketless invisibile permette la apertura degli spazi per realizzare poi la derotazione
MAC 5 app linguale bracketless invisibile permette la apertura degli spazi per realizzare poi la derotazione

 Riproduzione di testi ed immagini vietata Prof. Aldo Macchi© 2000 – 2017

Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics trattamento ortodontico con MAC

Riproduzione di testi ed immagini vietata Prof. Aldo Macchi© 2000 – 2017

La sistematica tradizionale bracketless è stata mirabilmente sviluppata  e utilizzata dalla dott.ssa Mariniello e dal dott. Cozzolino che hanno creato una metodica efficiente per risolvere tutti i casi, anche i più complessi, sempre nell’ottica di utilizzare apparecchiature linguali che eliminando l’uso degli attacchi (brackets ) creino una riduzione degli spessori e risultino più confortevoli per il paziente. Con la loro apparecchiatura , inoltre, gli attriti meccanici sono nulli e si può considerare la loro tecnica, come la migliore tecnica ortodontica  low friction  anzi zero friction.

Abbiamo quindi analizzato il significato  di Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics che presenta due diversi gruppi di apparecchiature

Ortodonzia Linguale con attacchi ( bracket) e qui i tipi di apparecchi sono tanti. Io preferisco naturalmente il bracket i-TTR della RMO perchè è un mio progetto

Ortodonzia Linguale senza attacchi ( bracketless)

e qui le apparecchiature sono due quelle di derivazione M.A.C. e quelle di derivazione dalle idee della dott.ssa Mariniello e dal dott. Cozzolino  e la loro azione e la loro forma dipendono soprattutto  dalla manualità dell’operatore.

Tra le apparecchiature definite come appartenenti alla Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics  sono comprese un gruppo di allineatori costruiti con vari materiali termoplastici  stampati su tanti modelli o stampe 3d che simulano e procedono al progressivo allineamento dei denti: invisalign, clear aligner, arc angel ….

Prima di tutto sono apparecchiature mobili e non fisse come le precedenti, e quando sono in bocca sono visibili quando si sorride o si parla perchè pur essendo trasparenti trattengono bolle di aria e saliva che si notano ad una certa distanza. Inoltre per poter meglio governare i movimenti dentali vengono applicati sui denti degli ancoraggi che si definiscono app che sono dei blocchetti di composito fissati sulla superficie vestibolare dei denti e quindi visibili anche quando l’apparecchio non viene indossato.

un allineatore indossato si vedono le bolle d’aria nella saliva e le app che saranno visibili anche quando l’apparecchiatura non è indossata

Per tali motivi ritengo che tali apparecchiature non debbano essere annoverate tra quelle appartenenti alla Ortodonzia invisibile -Invisible Orthodontics , d’altronde se non si ulilizzano le app il controllo dei denti non permette il trattamento corretto delle malocclusioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.